Come preparare un’ottima insalata di riso

Ricetta per l'insalata di riso
 

Un piatto unico, semplice e veloce da preparare: è l’insalata di riso. La nostra blogger Lisa Fregosi di “Mum cake Frelis” ha scelto di condividere con noi alcuni brevi e semplici consigli per prepararne un piatto bello abbondante e saporito, da poter gustare in compagnia, al mare o durante un falò sulla spiaggia.

L’insalata di riso è uno dei piatti tipici della tavola estiva; ma qual è la ricetta per un’ottima insalata di riso?

Basta seguire queste accortezze:

  1. La scelta del riso
  2. La cottura del riso
  3. Il condimento

Insalata di riso: la scelta del tipo di riso

Quante volte ci siamo chiesti quale riso scegliere?

Per ottenere un’ottima insalata di riso dobbiamo trovare un chicco che con la giusta cottura e consistenza sia la base del nostro piatto. Serve una tipologia di riso che tenga la cottura e questa caratteristica dipende dalla composizione degli amidi all’interno del riso stesso. Questi amidi si chiamano amilopectina e amilosio .

  • L’ amilopectina è un amido colloso che da cremosità ed è l’artefice della capacità di assorbimento dei sapori aggiunti al riso.
  • L’ amilosio invece è un amido non colloso, che non gelatinizza e che mantiene meglio la struttura durante la cottura e da consistenza solida.

La scelta del riso più adatto

Per preparare un’ottima insalata di riso, e tenendo conto delle 2 tipologie di amidi presenti nei chicchi, le varietà più idonee sono il parboiled, il Ribe e il Roma nelle quali esiste un ottimo equilibrio tra i due amidi descritti.

Se vogliamo creare un’insalata di riso diversa possiamo anche utilizzare il riso integrale, il riso rosso o il riso Venere.

La cottura del riso

Come cuocere il riso? Potete scegliere tra 2 tecniche:

  • la classica bollitura in abbondante acqua leggermente salata, scolandolo quando è al dente
  • la cottura per assorbimento. Questa tecnica prevede di mettere il riso (precedentemente sciacquato) in una pentola dai bordi alti con una quantità di acqua pari al doppio del peso del riso stesso = 100 ml di acqua X 50 gr di riso.

Dopo aver aggiunto poco sale si accende il fuoco, si porta a bollore e una volta che l’acqua bolle si copre il riso con un coperchio, si abbassa la fiamma e si fa cuocere fino al completo assorbimento dell’acqua. Una volta cotto il riso NON raffreddatelo sotto l’acqua corrente ma scolatelo bene, distribuitelo su una placca o teglia ben capiente e conditelo con un filo d’olio lasciandolo raffreddare a temperatura ambiente. 

Il condimento dell’insalata di riso

Per condire il riso potete dare libero sfogo alla vostra fantasia o semplicemente mettere quello che avete in frigorifero.

Evitate, se potete, i condimenti già pronti e preferite verdure fresche o sott’olio. Potete utilizzare anche verdure alla griglia, formaggi a pasta molle o di media stagionatura (mozzarella, Asiago, emmental, provola, ecc),  pesce (gamberetti, tonno, polpa di granchio, ecc) e anche salumi e insaccati (wurstel, salame, prosciutto, ecc).

Una guida per preparare un'ottima insalata di riso

Un’idea in più è l’utilizzo di salse come pesto, maionese e senape o anche del semplice succo di limone.

Aggiungete anche timo, menta, capperi o mandorle tostate per dare un gusto più aromatico alla vostra insalata di riso.

Come conservare l’insalata di riso?

Capiterà che avanzi dell’insalata di riso, per conservarla al meglio copriamola con della pellicola alimentare e conserviamola in frigorifero per 2-3 giorni al massimo.

Voi che riso utilizzate? Come preparate la vostra insalata di riso e che condimento utilizzate? Raccontatecelo sui nostri canali social!

COSA ABBIAMO IMPARATO:

  • Non tutte le varietà di riso sono idonee per fare l’insalata di riso
  • Il riso NON va bagnato dopo la cottura per farlo raffreddare
  • Possiamo condire il riso con molte tipologie di ingredienti ma è meglio preferire condimenti freschi
A leggere insieme c’è più gusto: condividi!