In famiglia: per fortuna che ci sono i nonni!

Nonni moderni alla riscossa
 

I bambini italiani sono sempre più attorniati dai nonni, meno da fratelli e cugini; questo succede in Italia perché, secondo le Nazioni Unite, è tra i paesi più anziani del mondo. Insieme a Lisa Fregosi, di “Mum Cake Frelis”, scopriamo il valore delle vere colonne portanti all’interno delle famiglie specie, quelle più giovani, i nonni…e lo facciamo proprio in occasione della loro festa 🙂

Se non ci fossero i nonni: dove sono le politiche a sostegno dei giovani?

Negli ultimi anni l’Italia ha subito trasformazioni economiche, politiche, culturali, sociali che hanno modificato la forma e il significato della famiglia; nel centro-nord la metà delle coppie ha un solo figlio spesso perché il lavoro stabile ha lasciato il posto a forme di attività sempre più flessibili e precarie creando sempre più incertezze nel futuro dei giovani.

I nonni, la salvezza di molte famiglie italiane

 

Difatti i giovani che vogliono fare progetti e vogliono diventare adulti e farsi una famiglia, troppo spesso sono bloccati dalla mancanza di un reddito che permetta loro di spiccare il volo.

I nonni, un aiuto concreto a 360°

Spesso l’avvio della nuova famiglia viene sostenuta dai genitori, dai nonni, non solo dal punto di vista economico ma anche nella gestione familiare, soprattutto quando subentrano dei bambini. Di conseguenza, cresce sempre più il peso dei nonni…E il Parlamento italiano ha approvato una legge, nel 2005, che ha istituito per il 2 ottobre la «festa dei nonni» quale momento per celebrare l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale.”

I nonni un aiuto a 360 gradi

Chi non ha stabilità, non sempre riesce ad avere accesso ai nidi pubblici; e senza un reddito adeguato diventa difficile badare ai bambini in età non scolastica. Quando possono, arrivano quindi in soccorso i nonni accudendo i nipotini durante i week-end per far riposare i genitori che lavorano tutto il giorno, tutti i giorni; accompagnando i piccini a scuola, seguendoli nel doposcuola ed ahi loro…cercando di recuperare quel gap tecnologico, tra loro ed i più piccoli. Un gap che li costringe a seguire corsi di aggiornamento informatico immediato e full time pur di imparare almeno ad accendere il computer o distinguere un televisore da un tablet!!

Super nonni che tolgono tempo alla loro serena vecchiaia, tornando bambini ed continuando ad imparare, anche dai più piccoli 🙂

I nonni di oggi

Gli anziani sono sempre più numerosi e rappresentano un aiuto indispensabile nella cura dei nipoti e, in caso di bisogno, un supporto economico alla famiglia.

I nonni sono diventati la nuova figura centrale della famiglia italiana; grazie all’allungamento della vita media, gli anziani, dai 60 anni in su, si sentono in buona salute e la terza età è vissuta con sorprendente orgoglio ed è molto meno legata all’immagine di «vecchio» o «anziano» di quanto si possa pensare.

Secondo il Censis, il 42% delle nostre famiglie si avvale dell’assistenza dei nonni per la cura dei propri figli. Stare con i bambini mentre mamma e papà sono al lavoro, accompagnarli a scuola, in piscina o al catechismo, seguirli nello studio; tutto questo impegna i nonni per un tempo che può arrivare anche fino alle 35 ore settimanali: una vera e propria attività lavorativa che dà molte soddisfazioni, ma comporta anche tanta fatica.

Una testimonianza diretta con una piccola intervista a 2 nonni lontani:

Questa intervista verte invece su una tipologia di nonni, particolare, i nonni a distanza. A causa della lontananza fisica dovuta dall’abitare in 2 regioni diverse e l’essere ancora al lavoro e non ancora in pensione.

Com’è fare il nonno a distanza? Come riuscite a sopperire alla lontananza?

I nonni a distanza

Fare il nonno a distanza non è molto bello perché non puoi vivere il quotidiano, ma nel momento in cui rivedi il piccolo, è come se il tempo non fosse passato, perché ritrovi quel “contatto”, quel feeling che ti sono mancati. Quando ci abbracciamo, personalmente, mi sciolgo come un dolcetto al sole 🙂 Ovviamente, sentire al telefono i piccoli nipotini che ti raccontano le vicende che accompagnano la loro vita, aiuta a smorzare questa distanza…. 

Come immaginate il vostro rapporto con il nipote una volta riusciti ad andare in pensione?

La nonna in cucina con nipote

Quando saremo in pensione saremo ovviamente più presenti , ma non assilleremo il piccolo più di tanto! Promesso!! Speriamo di passare più tempo con il nipotino e sentire i suoi discorsi. Accompagnarlo a scuola o alle partite di calcetto e nonna…..mmmh avrà sicuramente più tempo per preparare delle torte gustosissime!

Cosa abbiamo imparato:

  • Si fanno meno figli e si creano famiglie sempre più tardi
  • Quando possono, i nonni sopperiscono alle debolezze delle politiche di assistenza accudendo i nipoti
  • il Parlamento italiano ha approvato, nel 2005, una legge che istituisce per il 2 ottobre la «festa dei nonni»
A leggere insieme c’è più gusto: condividi!