L’identikit del cibo

Innovazione e cibo
 

In occasione della Giornata mondiale dell’Innovazione e Creatività, Matita e Forchetta cerca di capire che rapporto c’è tra questi due aspetti e l’alimentazione. Dal punto di vista dei consumatori l’innovazione può aumentare la sicurezza alimentare?

Libretto e patente!

Ogni alimento che acquistiamo al supermercato o da qualsiasi altra parte ha una storia alle spalle, che parte dalle materie prime, passa attraverso il percorso della filiera alimentare, per poi arrivare sui banconi d’acquisto. Ma come possiamo consultare il documento d’identità di un prodotto?

La tracciabilità riguarda il percorso del cibo dall’inizio alla fine, mentre la rintracciabilità di un alimento implica la possibilità per il consumatore di risalire in modo trasparente a tutti i passaggi produttivi che riguardano quel prodotto.

Differenza tra tracciabilità e rintracciabilità

Il regolamento europeo prevede che la rintracciabilità sia divisa in obbligatoria e volontaria: la prima impone l’obbligo per gli operatori del settore alimentare di indicare fornitori o clienti, di specificare le quantità di beni acquistate o vendute e altre informazioni utili al fine di individuare il prodotto. La normativa volontaria si basa, invece, sulla responsabilità dei produttori e delle aziende di garantire la trasparenza del sistema di gestione della sicurezza alimentare anche internamente ad essi.

Ma l’innovazione quanto può aiutare i consumatori?

Il sistema HERITAG, ad esempio, è un servizio offerto secondo metodi definiti e aperti (standard open web service) che danno la possibilità di leggere i codici identificativi dei prodotti. La piattaforma permette la registrazione di un operatore garantendo accessi protetti e sicurezza dei dati.

Heritag traccia tramite la tecnologia la fase produttiva, distributiva e di vendita dei prodotti attraverso un servizio che interagisce con i dispositivi di tracciamento e con gli smartphone dei consumatori. Tale sistema, se sposato dai produttori, è in grado di premiare la trasparenza, la qualità e la chiarezza, contribuendo ad accrescere la consapevolezza di chi compra un qualsiasi prodotto alimentare.

Sistemi tecnologici di tracciabilità

I prodotti “taggati” tramite codice identificativo saranno consultabili: storia, produttori, luoghi e passaggi potranno essere facilmente consultabili in forma digitale attraverso link di riferimento. Tali garanzie eviterebbero anche ai consumatori di incappare in prodotti contraffatti, difficilmente riconoscibili. La tecnologia impiegata non è sofisticata, ma elastica e adattabile alla portata dei consumatori.

Lo scambio di informazioni “digitali”

Si parla sempre più spesso di “Blockchain”… ma esattamente che cos’è? Si tratta di un enorme piattaforma in cui la community digitale interagisce e condivide una notevole quantità di informazioni su transazioni e scambi riguardanti ambiti completamente diversi.

E che cosa c’entra con la tracciabilità alimentare? Il sistema innovativo e tecnologico di Blockchain, se messa al servizio del funzionamento della catena di distribuzione, la cosiddetta “supply chain”, può permettere una migliore tracciabilità alimentare tra produttori e consumatori.

La blockchain applicata al settore del cibo

Alcuni analisti hanno scommesso sul fatto che la blockchain potrebbe trasformare radicalmente l’industria alimentare globale. Come? La prospettiva di poter tracciare in tempo reale e in modo digitale tutti i rapporti commerciali che conducono alla produzione di un alimento potrà fornire vantaggi evidenti.

La trasparenza e il risparmio economico passano per l’integrità e la verificabilità dei dati. Molte aziende, protagoniste anche a livello internazionale, si stanno organizzando per formare consorzi utili ad implementare la tecnologia blockchain per le rispettive filiere alimentari. Certamente c’è bisogno di un cambiamento radicale del rapporto di fiducia e le aziende dovranno anche disporre gli alimenti di codici rintracciabili o di etichette intelligenti.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità gran parte dei consumatori sta diventando sempre più esigente riguardo alle informazioni sui prodotti alimentari. Il futuro dell’industria alimentare è sempre più digitale?

Cosa abbiamo imparato:

  • La tracciabilità è diversa dalla rintracciabilità alimentare di un prodotto
  • L’Unione Europea prevede una rintracciabilità obbligatoria e una volontaria
  • L’utilizzo di piattaforme tecnologiche per la tracciabilità degli alimenti si basano sulla fiducia tra produttori e consumatori
  • La Blockchain potrà rivoluzionare l’industria alimentare mondiale aumentando la trasparenza e abbattendo i costi.
A leggere insieme c’è più gusto: condividi!