In vacanza con papà

figli pronti al viaggio con papà
 

Fermi tutti, sangue freddo e niente allarmismi! Cari papà vi sarà sicuramente capitato di trovarvi ad organizzare le vacanze estive con i vostri figli e tutto da soli, non è vero? No, non deve essere stato facile anche se speciale… proprio per questo proviamo non solo a parlarne ma anche a dare qualche consiglio utile per affrontare la situazione al meglio!

Primo passo: organizzazione

Ebbene sì, essere organizzati ed avere le idee chiare su come gestire la situazione è sempre alla base della buona riuscita di un progetto anche quando si tratta di portare i figli in vacanza e sapere che si dovrà avere sempre il controllo della situazione. Capire prima di tutto che tipo di vacanza possa essere più adatta ai vostri bambini (e a voi) è la prima mossa da compiere. Cercare di far combaciare i desideri dei figli ed i vostri infatti, vi renderà tutto più facile durante i giorni che trascorrerete insieme, insomma inutile organizzare qualcosa in montagna perché più comodo se sapete già che i vostri “compagni di viaggio” la odiano.

Una volta scelta la meta dovrete passare al pratico, organizzando il soggiorno passando dall’hotel al viaggio. Scrivere tutto quello che vi occorrerà portare, cercando di immaginare anche situazioni più difficili, vi toglierà da inutili ansie ed agitazioni sia prima che durante la vacanza.

valigie sul furgone pronto per l'avventura

Secondo passo: creatività!

No, non c’è bisogno di dirlo: quando parliamo di bambini non possiamo lasciare nulla al caso. Prima di tutto è importante tenerli occupati. In base alla tipologia di viaggio che avrete scelto, pensare ed ingegnarsi su quali attività potranno coinvolgerli di più durante il soggiorno (e magari regalarvi un po’ di pace e relax) è il secondo imprescindibile passo per non farsi cogliere dalla noia, senza sapere cosa fare una volta arrivati. Insomma dovete tenerli occupati!

giochi bambini sulla spiaggia

Scegliere per esempio strutture con animazione potrebbe essere di grande aiuto, oppure orientarsi sui cosiddetti villaggi vacanza con animazione per bambini o le crociere, che aiutano anche il genitore a rilassarsi. Un’altra idea possono essere le vacanze in barca a vela o in bicicletta, che si fanno in gruppo e che sono organizzate proprio per far divertire grandi e piccoli.

Terzo passo: ricordarsi che questa è un’occasione speciale

Condividere del tempo insieme lontano da tutti è un’esperienza formativa e che, se gestita nel modo giusto, renderà ancora più forte e speciale il legame che già è sicuramente forte. I ricordi delle vacanze, dei giochi insieme, dei nuovi posti, delle risate e dell’affetto condiviso, sarà una componente non da poco che aiuterà i vostri figli a costruire dentro per combattere fuori la vita quotidiana e gestire meglio i rapporti sociali.

giochi-papà-figlio

Quarto passo: tirare le somme

Al rientro dal vostro viaggio cercate di capire cosa è andato bene e cosa poteva andare meglio, se la vostra organizzazione è stata buona e se vi siete davvero divertiti insieme. Questa “analisi” vi aiuterà a capire cosa migliorare e cosa invece conservare quando organizzerete di nuovo qualcosa in futuro. Certo, sembra una riflessione noiosa, ma vi ringrazierete quando l’anno successivo saprete già da dove partire e soprattutto.. cosa evitare!

Cosa abbiamo imparato: 

  • Organizzazione e creatività sono alla base della buona riuscita di ogni cosa, anche di un viaggio insieme!
  • Niente è più prezioso per i vostri figli che poter condividere del tempo spensierato con voi facendo nuove scoperte e divertendosi
  • Armatevi di pazienza ed ingegno e tutto filerà liscio come l’olio!

 

A leggere insieme c’è più gusto: condividi!