Il primo anno di Matita e Forchetta: cosa abbiamo scoperto!

Il primo anniversario di Matita e Forchetta
 

In mezzo a tante Giornate Mondiali dedicate “alla qualunque”, tra ricorrenze, anniversari, Santi del giorno e celebrazioni a ritmo quotidiano, oggi 16 giugno per noi di Matita e Forchetta è una data da segnare sul calendario: oggi è il nostro primo anno di vita!

Era il 16 giugno 2017 quando Matita e Forchetta arrivava sul web. Era la realizzazione di un progetto ambizioso: fare informazione unendo alimentazione, genitorialità e scuola. Sul web e sui social. Per portare un aria di cambiamento in cucina e a casa, andando oltre gli steccati di una comunicazione troppo spesso “verticale” e che sottovaluta i collegamenti tra questi grandi temi.

Ma oggi la realtà ha già superato la comunicazione e pertanto la nostra intuizione di partenza è stata confermata dai fatti. I genitori richiedono un’educazione più estesa per i propri figli – e l’educazione alimentare è percepita dalle famiglie come una necessità sempre più importante. Allo stesso modo la comunicazione, praticamente solo digitale, è arrivata sui banchi di scuola e trasforma la didattica – ma anche lo sviluppo generale dei bambini, dalla psicologia alla socialità. Per non parlare di quanto il “food” (ricette, chef, programmi tv, vegani,…) sia diventato praticamente un tema sulla bocca di tutti non solo nelle ore dei pasti. Ecco: Matita e Forchetta nel suo primo anno ha cercato di essere testimone attento di questi fenomeni. Per raccontarli ma soprattutto per riflettere.

In un anno abbiamo parlato di tanti argomenti. Per citare solo gli articoli che hanno avuto più gradimento: la filiera alimentare, la vita dei cuochi, la guida alla raccolta differenziata, il cibo nell’arte e nel cinema, il cibo e i colori, la didattica creativa, le mamme single e l’amore, i papà single e i figli, le etichette alimentari, la differenza tra kosher e halal, la filosofia montessoriana, gli ebook a scuola, lo street food,… e tanto, tantissimo altro ancora. Senza dimentica le tantissime ricette che abbiamo creato anche grazie alle nostre blogger. I titoli dicono tutto: dai mini veg-burger di miglio e lenticchie, ai smoothies estivi e alle ricette da realizzare insieme ai bambini, passando per tutte le ricette stagionali e regionali, per divertirsi insieme e imparare il valore del cibo.

Concludere qui un articolo come questo, in un giorno speciale come questo, con qualche lacrima negli occhi per l’emozione? Potrebbe anche starci. Ma non sarebbe nello “spirito” di Matita e Forchetta. Cioè: buono a sapersi. Allora cosa abbiamo scoperto di buono in questi 365 giorni? Ecco in estrema sintesi il “succo” di 365 giorni di informazione:

  • Alimentazione: ci sono due grandi tendenze in atto. La prima è la ricerca, matura e responsabile, di maggiore informazione, garanzia e qualità. Ma anche trasparenza. C’è bisogno di conoscere la filiera, l’origine. Ma si vuole anche governare la parte finale: il recupero, il riuso. Allo stesso tempo c’è una grande apertura alla sperimentazione, all’ibridazione, alla scoperta di incroci tra culture alimentari e filosofie di vita. Il cibo è un crocevia di alimentazione ma anche di comportamenti oltre la “tavola”. Qui serve ancora di più l’informazione, ovviamente responsabile e capace di resistere alle sirene della moda del momento.

 

  • Genitori: c’è una grande ricerca di nuovi tipi di legami tra genitori e figli – in un contesto in cui si è affermato un “modello aperto” di famiglia, con genitori single e/o risposati e/o in nuove coppie. I genitori di oggi hanno compreso, forse più delle generazioni precedenti, il valore e il bisogno di comprendere e comprendersi con i propri figli: stare insieme non basta più, serve una qualità del tempo e soprattutto una maggiore qualità della relazione genitore-figli. Allora viene da chiedersi come si stia trasformando l’educazione dei figli: dall’ “allevare” figli all’entrare con loro in una relazione più ampia ma anche più critica e non scontata.

 

  • Scuola: qui abbiamo scoperto quanta fatica, ma anche quanto valore profondono gli insegnanti nel fare la vera riforma della scuola: fare dell’aula uno spazio di socialità e apprendimento – protetto. Da cosa? Dalle insicurezze a cui è esposta la categoria degli insegnanti, dalle incapacità delle istituzioni di governare i processi sociali di oggigiorno, dalle fragilità del mercato del lavoro. Facendo loro da “scudo”, i maestri e le maestre ogni giorno si impegnano a coltivare la mente e l’animo dei loro studenti. Partendo dai libri, ma anche dall’alimentazione e dal valore educativo primario della ristorazione collettiva scolastica: mangiare insieme, a scuola, non è solo un’azione di nutrizione curata dal punto di vista della salute e della qualità del cibo. È anche un’azione di socializzazione perché trasmette valori è il nostro grande tema, perché mette insieme alimentazione, genitori e scuola. Ne abbiamo parlato e ne parleremo ancora di più.

Ecco, questo è il “diario” del nostro primo anno di vita. Troppo presto per essere un bilancio. Infatti è il punto di inizio, stabile e certo, per scoprire nuove idee, raccontarle e commentarle. In vista di tanti altri anni, insieme!

Appunto, ecco la cosa più importante: grazie a tutti voi, per leggere i nostri contenuti, per sostenerci sui social media (in un anno oltre 13.000 fan su Facebook, per noi è un record e un regalo bellissimo!), per inviarci sempre nuove proposte di collaborazione: siamo “piccoli” e pertanto non possiamo accontentare sempre tutti. Ma c’è spazio per tutti, sempre! Un ringraziamento speciale vogliamo dedicarlo a CAMST, per aver creduto e sostenuto questo progetto da pionieri, rispettando sempre l’autonomia di Matita e Forchetta.

Allora: spegniamo la candelina sulla torta del nostro primo compleanno. Qual è il desiderio che esprimiamo? Migliorarci ancora di più e continuare a raccontare il “buono a sapersi”!

Il Team di Matita e Forchetta

 

A leggere insieme c’è più gusto: condividi!