House Sharing…ma per mamme single!

 

Quando parliamo di mamme single, ci rendiamo conto di rivolgerci ad una fetta di lettrici che a volte non hanno una vita molto facile, diciamola tutta. Può capitare in un periodo della vita di essersi fissate degli obiettivi, di credere in qualcosa, di voler condividere una meta ed essere convinte che anche la persona al nostro fianco la pensi allo stesso modo, ma va a finire che non era proprio così e qui accade che ci si ritrova da sole, con un lavoro sulle spalle, un bambino di cui prendersi cura ed una vita da reinventare.

Siamo onesti, non è semplice affrontare un discorso de genere, perché per poter capire veramente bisognerebbe trovarsi a vivere davvero questo tipo di esperienza. Si tratta però di un argomento che ci sta molto a cuore e per questo vogliamo comunque provare a scoprirne degli aspetti insieme a voi.
Partiamo col dire che c’è una profonda stima che non è tenerezza, per le mamme che sono single e portano avanti tutto sulle proprie spalle, è proprio stima! Perché la forza delle donne ci piace e siamo sicuri che sia un importante esempio di vita per tutti in generale.

Ma cos’è l’House Sharing? E come funziona?

Oggi vogliamo parlare di un aspetto molto interessante, più un fenomeno in realtà se così vogliamo chiamarlo, nato da una necessità e dalla voglia di condivisione. Se c’è un aspetto in cui il mondo del web e più nello specifico i social, ci hanno spronato a mettere in primo piano è proprio la mentalità che tutto debba essere un po’ condiviso: anche qui, come tutte le cose, l’equilibrio e la misura rendono efficace in termini positivi mostrare agli altri i nostri bisogni, le nostre paure ed i nostri interessi.

Nel caso dell’House Sharing l’approccio alla condivisione è stato illuminante: si tratta di un “aiutarsi a vicenda”, pratica comune già in molti Paesi del mondo come gli USA. Inizialmente si trattava di una vera e propria convivenza quando di parlava di vacanze e le disponibilità economiche di entrambe le parti erano limitate o magari si aveva solo voglia di non partire da sole.
Questo modus operandi è stato scelto anche dalle mamme single, che hanno intuito come condividere gioie e dolori con altre mamme single e che avrebbero potuto quindi capire più facilmente dinamiche e pezzi di vita.

Oggi però non si parla solo di condividere una casa per le vacanze, c’è stata infatti un’evoluzione importante: molte mamme single sono costrette a tornare a vivere con i genitori, soprattutto per difficoltà economiche e di organizzazione anche nel caso in cui abbiano un lavoro, ma molte altre non hanno questa possibilità o magari non vogliono neanche sfruttarla per un senso di autosufficienza. Allora che fare? Ma dai come abbiamo fatto a non pensarci prima! Troviamo un’altra mamma single che capisce le nostre dinamiche, ha le nostre stesse necessità e in più ha bisogno come noi di tagliare i costi di un affitto che ovviamente diventa più basso se condiviso.
Soprattutto sul Web è più facile oggi trovare indicazioni in merito, sia blog che siti infatti non solo ne parlano, ma danno anche la possibilità di fare richieste, informarsi su dettagli ed avere una mano nel muoversi in questa nuova scelta. Soprattutto per quanto riguarda le grandi città questa sembra stia diventando una soluzione intrapresa da molte più mamme di quanto si possa pensare.

Vogliamo lasciarvi un link in cui poter avere informazioni più dettagliate a riguardo e informarvi su come fare per poter intraprendere realmente un percorso del genere: https://www.lenuovemamme.it/mamme-single-a-roma-conoscete-lhouse-sharing/

B&B delle mamme single

Se invece l’house sharing non vi convince e siete in elevate difficoltà, a Roma potrebbe esserci un’altra soluzione che farebbe al caso vostro. Si tratta però di un luogo rivolto a mamme single appunto, un progetto d’impresa sociale sviluppato dalla storica associazione romana “Casa della mamma”, che dal 1969 accoglie giovani madri e i loro bambini, con l’obiettivo di aiutarle a far crescere con responsabilità e autonomia i propri figli. Oggi questo B&B ospita sei giovani madri single con i propri figli, spesso allontanate dalle famiglie dal Tribunale per i minorenni.

Vengono inoltre organizzate diverse attività creative che aiutano queste donne ad avviarsi magari ad un nuovo lavoro, come ad esempio il Laboratorio di taglio e cucito. Dal 1994 è inoltre attiva anche la Compagnia Teatrale Casa della Mamma.

Cosa abbiamo imparato:

  • Lo sharing dettato dai social da vita a fenomeni che possono essere molto utili
  • L’House sharing può essere la soluzione valida e sta prendendo sempre più piede anche in Italia e non solo per la parte “vacanze”
  • Esiste un b&b dedicato alle mamme single con maggiori difficoltà
A leggere insieme c’è più gusto: condividi!