Li vuoi quei kiwi?

 

Febbraio è un mese spartiacque: dal freddo invernale si aprono le porte verso l’aria primaverile di marzo… è il mese giusto per ammalarsi! Ma come sempre un’alimentazione sana e qualche piccolo accorgimento verde, “peloso” e con i semi può darvi una mano!

Il “volo” dei kiwi

Vi siete mai chiesti da dove deriva il nome di questo frutto? I kiwi sono originari della Cina così come le arance, ma sono stati importati nell’Ottocento in Inghilterra e poi in Nuova Zelanda, la quale ha dato questo strano nome al frutto. I kiwi infatti rappresentano gli uccelli simbolo della Nuova Zelanda!

I kiwi sono uccelli della Nuova Zelanda

Soltanto nel 1970 i kiwi “volarono” in Italia, la quale oggi ne produce in grandi quantità e in diverse varietà. Nel rapporto Fao sulle coltivazioni di kiwi nel mondo, il nostro Paese si colloca secondo, preceduto soltanto dalla Cina. I kiwi ci hanno conquistato perché oltre ad essere buonissimi sono anche dei formidabili supereroi!

Ebbene sì, febbraio si colora di verde quando in tavola ci sono i nostri amati kiwi! Quanti di voi accostano la vitamina C all’arancione, colore delle arance? Eppure i kiwi contengono una maggiore quantità di vitamina C rispetto a tutti gli altri agrumi in circolazione e rappresentano il frutto giusto per ricaricarsi di forze in vista del cambio stagione!

La vitamina C contenuta nel kiwi aiuta il nostro organismo ad assimilare il ferro, importantissimo per chi si sente un po’ debole. Come consumare un kiwi? Per il nostro fabbisogno giornaliero basta consumare anche un solo kiwi, meglio se non subito dopo i pasti.

Ovviamente se ne consumate qualche frutto in più al giorno non avrete di certo problemi, se non per il noto potere lassativo che hanno i kiwi. Per la vostra salute non correte alcun pericolo ma attenti a non esagerare!

Quali kiwi?

Come scegliere i giusti kiwi? Al supermercato troverete diverse varietà di kiwi, italiane ed estere. Quali scegliere? Se possibile preferite i frutti nostrani, ma anche quelli provenienti da Paesi come Nuova Zelanda e Cile sono ottimi. L’importante è non comprare kiwi dal prezzo troppo basso, potrebbero non essere di grande qualità!

Kiwi poco maturiCome consumarli? Il kiwi non va consumato né troppo duro perchè il sapore è davvero acerbo, né troppo maturo in quanto sarebbe troppo morbido e fermentato. Durante l’inverno potete tranquillamente tenerli fuori frigo a patto che li consumiate in pochi giorni. Meglio comprarne meno ma un po’ alla volta, così che possiamo avere sempre kiwi freschi e buoni!

Come riconoscerli? La buccia del kiwi deve essere piuttosto liscia senza troppi segni sulla sua superficie e, soprattutto, al tatto non deve essere troppo morbida. Se non sono ancora maturi metteteli in una cassettina con delle mele, li aiuteranno a maturarsi in fretta! Le mele, infatti, producono un ormone vegetale gassoso che stimola la maturazione dei kiwi… basta solo qualche giorno!

Sport e benessere

I kiwi costituiscono il frutto ideale nella dieta di uno sportivo. Oltre alla vitamina C e ai sali minerali, contengono potassio in abbondanza! Credete che la banana contenga più potassio di tutti? Anche stavolta sbagliate, perché è ancora il kiwi a vincere la sfida!

Frullato di kiwi per sportivi

I frullati a base di kiwi sono ottimi integratori naturali se consumati durante la giornata o dopo aver svolto attività fisica! Sempre meglio non esagerare altrimenti rischierete di assumere più zuccheri del previsto.

Bellezza con i kiwi

Quante volte avete visto una donna conciata così? Non è soltanto una buffa usanza, ma i kiwi fanno bene anche alla nostra pelle, in quanto rallentano l’invecchiamento cutaneo, la perdita di tono e luminosità. Le maschere al kiwi sono davvero facili da preparare e danno risultati subito efficaci!

Certo sarebbe inutile usare i kiwi per la vostra bellezza e poi non mangiarli affatto… il benessere esteriore va di pari passo con quello interiore!

Cosa abbiamo imparato:

  • I kiwi vengono dalla Cina ma prendono il nome dall’uccello simbolo della Nuova Zelanda
  • I kiwi contengono più vitamina C e più potassio di tutti gli altri frutti in circolazione
  • L’Italia è il secondo produttore di kiwi al mondo dopo la Cina
  • E’ importante sapere come scegliere i kiwi, quando e come consumarli
  • I kiwi sono ottimi per preparare frullati oppure creare maschere di bellezza
A leggere insieme c’è più gusto: condividi!