Congelare la carne in freezer? Ok, ma con alcuni accorgimenti

come congelare la carne
 

Quante volte vi sarà capitato di acquistare troppa carne e doverla riportare a casa? Non vi resta che congelare la carne: come si fa? Vi sveliamo qualche piccolo segreto su un’azione che si compie quasi quotidianamente: congelare la carne. Ebbene sì: non è così scontata come sembra!

L’estate sta finendo ma un ultimo barbecue con gli amici non vorreste organizzarlo, prima di ritornare alla solita routine? Niente di più gradevole per unire le esigenze delle papille gustative alla voglia di relax in buona compagnia. Se siete voi ad ospitare i vostri amici, potreste però vedervi lasciata in “omaggio” un’intera (o quasi) macelleria! Che fare con questo tesoro di bistecche, arrosticini, braciole?

COME CONGELARE LA CARNE: LE BASI

La risposta sembra semplice: tutto in freezer! Risposta esatta! Ma attenzione: congelare la carne non è così scontato come sembra. Partiamo da una constatazione estremamente semplice: circa il 70% degli organismi animali, quindi anche i prodotti di macelleria, sono costituiti da acqua. Questo fa sì che i liquidi contenuti negli alimenti congelati ghiacceranno conservando al proprio interno tutti i batteri e i microorganismi che normalmente vengono annientati dalla cottura. una volta scongelata, la carne va cotta e consumata in fretta per non permettere ai batteri di proliferare.

IL FREEZER NON E’ POI COSI’ AMICO DELLA CARNE

In antichità la carne veniva essiccata perché meno acqua equivale a meno batteri: per questo le note e gustosissime “coppiette” si conservano fuori dal frigo: sono quasi disidratate, dunque i batteri non possono proliferare al loro interno. Ma con il boom economico, a partire dagli anni ‘50-‘60, ogni famiglia ha iniziato ad usare il frigorifero e il freezer, quindi il modo di conservare la carne è totalmente cambiato. Ma congelare correttamente una bistecca non è la cosa più facile del mondo.

Imparare a congelare correttamente la carne

Innanzitutto chiariamo una cosa: il freezer non è amico della carne, perché congela la carne troppo lentamente, formando dei cristalli molto grandi al suo interno che rovinano la struttura cellulare. Quante volte vi sarà capitato di scongelare una meravigliosa fiorentina e di constatare, con una certa amarezza, che è diventata una “suola” secca e insapore?

Gli abbattitori di temperatura industriali invece sono così veloci nel surgelare la carne che questi cristalli ammazza-gusto non fanno in tempo a formarsi, dunque il sapore e le caratteristiche bio-chimiche rimangono di fatto inalterate.

IL METODO CORRETTO PER CONGELARE LA CARNE

Per congelare correttamente la carne in casa, quindi, vi suggeriamo in primo luogo di batterla con martello da cucina per renderla più morbida. Se potete, usate un buon coltello per ripulirla da eventuali nervature o grassi indesiderati. Inoltre, tamponatela con un panno di stoffa asciutto al fine di ridurre l’umidità di superficie. Infine, adagiate in una teglia dopo aver avvolto le porzioni di carne, separatamente, nella pellicola trasparente. E’ infine preferibile mettere un avviso sul cellulare, la mattina, per ricordarvi di tirare fuori dal freezer la carne che consumerete a cena: molto meglio scongelarla lentamente, ma in modo naturale, che con il microonde!

Cosa abbiamo imparato:

  • La carne contiene acqua in percentuali altissime, quindi quando la congeleremo manterremo intatta la carica batterica: è fondamentale rispettare la catena del freddo!
  • C’è grande differenza fra il congelamento casalingo e il surgelamento industriale. Quest’ultimo non permette la creazione di grossi cristalli di ghiaccio all’interno della bistecca, che rimarrà quindi intatta nell’aspetto e nel sapore.
  • Per congelare la carne in casa, è consigliabile batterla con un martello da cucina e successivamente avvolgerla nella pellicola trasparente dopo averne tamponato la superficie con un panno asciutto. A questo punto sarà pronta per il congelamento in freezer!
  • E’ preferibile scongelare la carne in modo naturale: il microonde, usato all’ultimo momento, non è il miglior amico delle bistecche!
A leggere insieme c’è più gusto: condividi!